Istituto Biosanitas S.a.s.
Dipartimento di Patologia
Via G. Macaggi, 25/3
16121 Genova - Italy
Tel. 010-542057
Cell. 3664100987
Fax 010-5302577
numero verde 800 089449

Autorizzazioni Comunali
n°38 del 09-04-2004
P.I. C.F. n. 00897000105
R.E.A. n. 228951

www.testpap.it
biosanitas@testpap.it
guido.nicolo@testpap.it
guido.nicolo@biosanitas.com
paptest@biosanitas.com
paptest@pec.busnet.it

CONCLUSIONI

La procedura ottimale per eseguire il pap test combinato con test molecolare (DNA/RNA HPV e altri agenti patogeni) è la seguente.
In una sola visita ginecologica il campione è raccolto in un liquido adatto per la sua conservazione, per lungo tempo, a temperatura ambiente. Pertanto il campione di pap test raccolto in liquido può anche essere inviato al laboratorio per via postale. Nel laboratorio una parte del campione è utilizzata per i test molecolari e un'altra parte per eseguire il pap test in strato sottile, che è una metodica di preparazione delle cellule che permette una analisi microscopica, che diversi studi hanno dimostrato essere agevole ed accurata. Il pap test e i differenti test molecolari possono essere eseguiti simultaneamente o in tempi differenti, prima l'uno e poi l'altro a seconda del risultato di ognuno. In ultimo, lo stesso campione può essere utilizzato per controllo di qualità presso altri laboratori.


PAP TEST COMBINATO:
Che cosa fare nelle diverse combinazione di risultati?

1. Pap test negativo con test DNA/RNA/HPV ad alto medio rischio negativo.
Il ginecologo può ragionevolmente riferire alla paziente che "negativo significa negativo".6
Recentemente, nuovi reagenti e il test RNA/HPV, sono stati proposti per evitare falsi negativi dovuti ad un basso numero di cellule nel campione o a tipi di HPV non statisticamente correlati allo sviluppo di lesioni pretumorali. (Cervista? HPV HR: The only FDA-approved HPV test with an internal control e Aptima® Test).

2. Pap test negativo con test DNA/RNA/HPV ad alto medio rischio positivo.
L'accuratezza del pap test (capacità del test di identificare pazienti con lesioni pretumorali) calcolata alla fine degli anni 2000 in studi effettuati negli Stati Uniti era simile a quella calcolata in studi eseguiti in Europa dopo il 2000: dal 52% all'82%.14
Il 7.8% dei test DNA/HPV HC2-HR possono essere positivi per reazione crociata del metodo HC2 con genotipi di HPV non cancerogeni non compresi tra i 13 HPV del gruppo HR.13
Recentemente, la specificità (capacità di individuare i pazienti veramente negativi cioè non portatori di HPV cancerogeni) è risultata 96% mediante l'utilizzazione del cosidetto metodo Invader.15
Il test DNA/HPV con metodo PCR permette di identificare uno o più tipi di HPV, ad alto e basso rischio, anche se le cellule del collo dell'utero hanno aspetto normale. Il test con PCR è importante dal punto di vista infettivologico per identificare pazienti con HPV senza lesione cervicale.
Il Pap test può essere combinato con un test che analizza l'mRNA per 14 tipi di HPV ad alto medio rischio (Aptima® Test). Il test Aptima® permette di sapere se il campione di pap test contiene HPV al alto/medio rischio che producono proteine (E6/E7) che espongono le cellule ad un rischio più elevato di trasformazione pretumorale.
Con il metodo APTIMA® la specificità per l'identificazione di HPV ad alto rischio era 99%.16
Un recente studio italiano ha dimostrato che lo screening mediante test DNA/HPV è più efficace della citologia nel prevenire cancro invasivo della cervice, in quanto identifica più precocemente lesioni persistenti di grado elevato assicurando un periodo più lungo di basso rischio. Tuttavia in donne più giovani, l'HPV screening favorisce una sovradiagnosi di lesioni CIN2 che regrediscono spontaneamente.17
Recentemente,il test APTIMA® è stato proposto per distinguere tra casi di pap test negativo e test DNA/HPV ad alto rischio positivo che avrebbero differente rischio per lesione pretumorale CIN2-CIN3.16

3. Pap test positivo con test DNA/RNA/HPV ad alto/medio rischio positivo.
Questa combinazione di risultati deve indurre a sottoporre la donna a colposcopia ed eventuale controllo bioptico.

4. Pap test positivo con test DNA/RNA/HPV ad alto/medio rischio negativo.
La specificità del pap test (capacità del test ad identificare pazienti senza lesione pretumorale) calcolata alla fine degli anni 2000 in studi effettuati negli Stati Uniti era simile a quella calcolata in studi eseguiti in Europa dopo il 2000(96%).14 L'esistenza di lesioni pretumorali del collo dell'utero senza HPV identificabile è stata riferita in diversi studi. Un'altro aspetto da considerare è la possibilità che il test molecolare sia un falso negativo della metodica utilizzata. Mediante il pap test combinato, il falso negativo può essere individuato in relazione alla possibilità di utilizzare la parte residua del campione di cellule raccolto in liquido, senza effettuare un'altro prelievo che potrebbe essere differente, ripetendo il test molecolare con un'altra metodica.

Bibliografia

1. Saslow D, Runowicz CD, Solomon D, et al. American Cancer Society guideline for the early detection of cervical neoplasia and cancer. CA Cancer J Clin. 2002 Nov-Dec;52(6):342-62.

2. Nobbenhuis MA, Walboomers JM, Helmerhorst TJ,et al. Relation of human papillomavirus status to cervical lesions and consequences for cervical-cancer screening: a prospective study. Lancet. 1999 Jul 3;354(9172):20-5.

3. Ronco G. et al. Efficacy of human papillomavirus testing for the detection of invasive cervical cancers and cervical intraepithelial neoplasia: a randomised controlled trial. Lancet Oncol. 2010 Jan 18.

4. Walboomers JM, Jacobs MV, Manos MM, et al. Human papillomavirus is a necessary cause of invasive cervical cancer worldwide. J Pathol. 1999 Sep;189(1):12-9.

5. Clavel C, Masure M, Bory JP, et al. Human papillomavirus testing in primary screening for the detection of high-grade cervical lesions: a study of 7932 women. Br J Cancer. 2001 Jun 15;84(12):1616-23.

6. Lorincz AT, Richart RM. Human papillomavirus DNA testing as an adjunct to cytology in cervical screening programs. Arch Pathol Lab Med. 2003 Aug;127(8):959-68.

7. Sherman ME, Lorincz AT, Scott DR, et al. Baseline cytology, human papillomavirus testing, and risk for cervical neoplasia: a 10-year cohort analysis. J Natl Cancer Inst. 2003 Jan 1;95(1):46-52.

8. Cuzick J, Szarewski A, Cubie H, et al. Management of women who test positive for high-risk types of human papillomavirus: the HART study. Lancet. 2003; 362:1871-1876.

9. Bory JP, Cucherousset J, Lorenzato M, Gabriel R, Quereux C, Birembaut P, Clavel C. Recurrent human papillomavirus infection detected with the hybrid capture II assay selects women with normal cervical smears at risk for developing high grade cervical lesions: a longitudinal study of 3,091 women. Int J Cancer. 2002 Dec 10;102(5):519-25.

10. Liaw K-L, Glass AG, Manos MM, et al. Detection of human papillomavirus DNA in cytologically normal women and subsequent cervical squamous intraepithelial lesions. J Nat Cancer Inst. 1999; 91(11):954-960.

11. Ronco G, Segnan N, Giorgi-Rossi P, et al. Human papillomavirus testing and liquid-based cytology: results at recruitment from the new technologies for cervical cancer randomized controlled trial.
J Natl Cancer Inst. 2006 Jun 7;98(11):765-74.

12. Ronco G, Giorgi-Rossi P, Carozzi F, Dalla Palma P, Del Mistro A, De Marco L, De Lillo M, Naldoni C, Pierotti P, Rizzolo R, Segnan N, Schincaglia P, Zorzi M, Confortini M, Cuzick J; New Technologies for Cervical Cancer screening Working Group. Human papillomavirus testing and liquid-based cytology in primary screening of women younger than 35 years: results at recruitment for a randomised controlled trial.
Lancet Oncol. 2006 Jul;7(7):547-55.

13. Castle PE, Solomon D, Wheeler CM, Gravitt PE, Wacholder S, Schiffman M.; Human papillomavirus genotype specificity of hybrid capture 2.
J Clin Microbiol. 2008 Aug;46(8):2595-604.

14. Europea guidelines for quality assurance in cervical cancer screening. Second edition. European Commission 2008.

15. Johnson LR, Starkey CR, Palmer J, Taylor J, Stout S, Holt S, Hendren R, Bock B, Waibel E, Tyree G, Miller GC; A comparison of two methods to determine the presence of high-risk HPV cervical infections.
Am J Clin Pathol. 2008 Sep;130(3):401-8.

16. Dockter J, Schroder A, Craig H, Guzenski L, Monsonego J, Giacchetti C; Clinical performance of APTIMA® HPV Assay for the detection of high-risk HPV and high-grade cervical lesions .
J Clin Virol. 2009; 45, S1 S55-S61

17. Ronco G, Giorgi-Rossi P, Carozzi F, Confortini M, Dalla Palma P, Del Mistro A, Ghiringhello B, Girlando S, Gillio-Tos A, De Marco L, Naldoni C, Pierotti P, Rizzolo R, Schincaglia P, Zorzi M, Zappa M, Segnan N, Cuzick J; New Technologies for Cervical Cancer screening (NTCC) Working Group. ; Efficacy of human papillomavirus testing for the detection of invasive cervical cancers and cervical intraepithelial neoplasia: a randomised controlled trial.
Lancet Oncol . 2010 Mar;11(3):249-57. Epub 2010 Jan 18.